info@michelepilla.it

‘La maledizione di Hatton Cross: omicidi, incendi e strane storie’

“Londra fermata per l’inferno”
Romanzo di Mike J. Pilla

Un terrificante viaggio nella periferia di Londra. Un incontro inquietante nella metropolitana. Una stazione che nasconde un terribile segreto. Hatton Cross è la terzultima fermata della Piccadilly Line, dove una gelida notte del gennaio 1990 si verificò un tragico evento.

Gennaio 2010. Vent’anni dopo, Stefano Valente e Marco Tucci sono a Londra in viaggio di piacere e proprio a Hatton Cross incontrano Anja, una dolce e misteriosa ragazza dagli occhi di ghiaccio. Tornato a Roma, Stefano viene a sapere che due ragazze con cui ha avuto una fugace relazione sono state ritrovate morte. Su entrambi i luoghi del decesso c’è una misteriosa scritta: “Evol”. Intanto, il ragazzo è tormentato da incubi la cui protagonista è sempre lei: Anja. Decide così di tornare a Londra per rintracciare l’enigmatica ragazza. Scoprirà che Anja, dietro i suoi occhi gelidi, nasconde un passato oscuro, fatto di delitti e impregnato di sangue…

Londra, fermata per l’inferno è il secondo thriller di Mike J. Pilla. Dopo il successo internazionale di Goodbye Irpinia, presentato in Canada e negli States, l’autore realizza un altro Paper novel – romanzo inchiesta tra fiction e realtà che condurrà il lettore nei meandri della Londra più cupa.

La stazione di Hatton Cross è in funzione da quasi venticinque anni: fu aperta il 19 luglio 1975 nell’ambito dei lavori di estensione della Piccadilly line – che negli ultimi anni trasporta quasi tre milioni di passeggeri – e ne è rimasta il capolinea fino all’apertura della fermata degli Heathrow Terminals 2 & 3 il 16 dicembre 1977.

La stazione ha 2 binari e sorge tra la Great South West Road (A30) e la strada che costeggia a sud l’Aeroporto. È compresa nella Travelcard Zone 5 e 6 e serve una vasta zona che include il paese di Hatton, Feltham a sud e Bedfont a ovest. La stazione si trova a Hillingdon, mentre il paese di Hatton si trova a Hounslow. Parte dell’area circostante è inclusa nel perimetro dell’aeroporto, il resto ospita capannoni industriali o magazzini.

Con “Hatton Cross” si riferisce all’incrocio tra la Great Southwest Road e Hatton Road, le due strade principali dell’area, che si trova immediatamente a sudest dell stazione. Il 17 gennaio 2008, il volo 38 della British Airways, in arrivo da Pechino è precipitato a breve distanza da Heathrow. Nessun morto ma 47 feriti tra le 152 persone a bordo.

Tante tragedie hanno colpito la stazione, ogni quattro anni: nel 1994, nel 1998, nel 2002 e nel 2006. Omicidi che hanno sconvolto il quartiere, perpetrati tutti con le stesse, terribili modalità.

La gente del posto non nasconde la paura, tanto che si è parlato più volte di un serial killer che colpirebbe a Hatton Cross ogni quattro anni, nella sera di San Valentino. Anche gli incendi e i black-out fanno “rumore”. Il mese scorso c’è stato l’ultimo rogo di una lunga serie, che sembra stiano tenendo in scacco questa linea in particolare.

Nessuna conseguenza per i viaggiatori ma solo tanta paura, paura che ha riportato alla mente di tutti il terrificante incendio di King’s Cross del 1987.

È stato il secondo disservizio in meno di un mese: pochi giorni prima un black-out ha tenuto bloccato un convoglio nel tunnel tra Hatton e l’aeroporto per oltre due ore. Di black-out da queste parti se ne verificano molti, circa una ventina ogni anno ma – come ha riferito una fonte anonima ai nostri microfoni – solitamente i disservizi durano pochi minuti e non causano grossi disagi alla circolazione.

» LONDRA FERMATA PER L’INFERNO – SCHEDA

 

Seguimi sui social e metti mi piace!